COSTELLAZIONI FAMILIARI                                            

Un metodo semplice, scoperto e studiato da Bert Hellinger, supportato da ricerche scientifiche, per guarire il campo della nostra coscienza, da cui molto spesso dipende il disagio fisico ed emotivo. Un metodo di aiuto che permette di fare ordine nelle dinamiche familiari e di trovare con efficacia e rapidità di azione una soluzione a conflitti e problemi relazionali, rapporti di coppia, disturbi fisici, problemi esistenziali, ma anche disagi nell'ambito lavorativo, professionale e aziendale. Diventare adulti non significa acquisire un maggior controllo sulle emozioni, ma piuttosto una maggiore consapevolezza e serenità interiore. Per riuscirci è importante far pace con il passato. A questo non si arriva fingendo l'armonia o negando le ferite subite. Le Costellazioni portano alla luce le cause, conscie e inconscie, del nostro disagio.                                                                                                  



VUOI SCOPRIRE DI PIÙ? LEGGI QUESTO ARTICOLO

Ciascuno di noi fa parte di una famiglia con cui vive ed a cui è legato, che lo voglia o no. Spesso continuiamo a ripetere conflitti e malesseri nelle nostre esperienze, oppure portiamo sulle spalle pesi che non ci appartengono. O anche, viviamo a nostra insaputa il tragico destino di un familiare, scomparso da tanto tempo e mai conosciuto. Tutte queste dinamiche ci legano in modo negativo alla famiglia, impedendoci di guardare in avanti con forza gioiosa e decisione. 

Siamo per così dire prigionieri di un'invisibile tela di ragno.

In realtà siamo come un anello nella catena delle generazioni e spesso ci troviamo a pagare pesanti debiti lasciati dai nostri avi; esiste come una sorta di "fedeltà invisibile" che ci spinge a ripetere inconsciamente qualcosa che non appartiene al nostro proprio destino. Tutto ciò ci rende meno liberi di quanto possiamo supporre e "irretiti" nella sorte, il più delle volte tragica, di altri familiari. Spesso gli intrecci si estendono per diverse generazioni e si muovono sul piano arcaico della psiche che viene negato all'analisi o al pensiero razionale

Questo può avvenire, con frequenza maggiore di quanto si possa supporre, quando un membro della famiglia è stato escluso o dimenticato per via del suo tragico destino: una donna morta di parto, un fidanzato disperso in guerra, una sorellina morta in giovane età; questi destini hanno in comune il fatto di essere troppo pesanti per chi rimane. In questo caso, un giovane delle nuove generazioni prenderà su di sé il compito di ricordare l'escluso, seguendolo nel suo destino o nella morte. Allo stesso modo qualcuno potrà incontrare nella sua vita difficoltà che appartengono soprattutto a un suo predecessore.

Le costellazioni sistemico-fenomenologiche, perfezionate da Bert Hellinger, aiutano a portare alla luce questi irretimenti o identificazioni nascoste con altri membri della famiglia, spesso scomparsi da tempo. Da oltre un decennio, questo lavoro sta registrando una eccezionale espansione nei paesi di lingua tedesca, sia a livello specialistico che fra la gente comune.

Oggi questo metodo, ma si tratta in realtà di una filosofia e di una visione del mondo e della vita, è largamente usato in Austria, Germania e Svizzera, nei più svariati campi: nella terapia individuale, di coppia, nelle carceri, nelle scuole, in azienda, nelle istituzioni, per la risoluzione dei conflitti, ecc..

Dove esistono sistemi, lì si possono applicare le costellazioni, per trovare buone soluzioni.

Le costellazioni familiari si inseriscono in modo puntuale, fornendo verifiche e conferme, anche all'interno del quadro scientifico che ormai si va delineando dopo la storica svolta segnata dalla nuova fisica di Albert Einstein, infatti ora ci si comincia a spiegare come e perché esseri umani e non umani possono influire gli uni sugli altri a distanza, con mezzi diversi dal linguaggio e dalla vista diretta. Da circa quindici o vent'anni comincia a farsi strada in maniera sempre più perentoria una visione scientifica avanzata che conferma l'ipotesi che l'essere umano, come i suoi predecessori, minerali, piante e animali, è composto di campi energetici, inaugurando una visione unitaria (olistica) dell'universo, in cui ogni cosa è interconnessa e interdipendente, a prescindere dalla forma che assume in un dato istante. L'universo è quindi un intero inseparabile, un'ampia rete di probabilità intrecciate che interagiscono.


Da Prefazione all'edizione Italiana, "I due volti dell'amore", Bert Hellinger.